Thegiornalisti @ Assago Forum, Milano

Avete mai notato che in alcuni casi la qualità del lavoro di un artista è inversamente proporzionale al successo che riscuote? Non c’è nulla di oggettivo in tutto questo: semplicemente, per il solo fatto di avere un pubblico più ampio, si può passare dall’essere artisti emergenti ad artisti commerciali in un nanosecondo. Questo trade-off mi è stato chiaro grazie alle reazioni delle persone nel sapere che sarei andata ad ascoltare i Thegiornalisti al Forum di Assago. Da una parte c’ero io, con il fervore che solo l’idea di un concerto sa dare, e dall’altra il mio interlocutore, che, almeno nella metà dei casi, prima rimaneva un po’ interdetto (“Seriamente hai deciso di spendere i tuoi soldi così?”) e poi si lasciava andare ad un sorriso (“Contenta tu”).

Caterina Cinquesanti

BSMA meets: HESANOBODY

Il 23 marzo è uscito il nuovo EP di Gaetano Chirico, in arte HESANOBODY, intitolato “The Night We stole the Moonshine”. Gaetano è un artista emergente di origini calabresi che da qualche anno si è trasferito a Milano, dove ha potuto portare avanti il suo meraviglioso progetto elettro-pop; non mi ero mai avvicinata ad un genere musicale così particolare, devo dire che è stata una felice scoperta e consiglio vivamente di ascoltare i suoi lavori. In occasione dell’uscita di questo suo nuovo EP ho avuto il piacere di incontrarlo e chiacchierare un po’.

Cecilia Festa

Un cielo in tempesta – Intervista ad Arashi

“Sono partito intero, ma tornerò a metà”: così canta Riccardo Schiara, in arte Arashi, nella sua Fiori Rossi, il cui video è uscito appena un mese fa.

Nato ad Alessandria, è diventato cantautore dopo un’esperienza come interprete ad X Factor ’14. Lo incontriamo in zona Darsena, dove ci parla soprattutto della sovrapposizione delle sfaccettature più personali: nella testa di Arashi una festa si trasforma in rito di culto, mentre Riccardo gioca con i videogames e sogna un featuring con Lana del Rey.

Giuseppe Allegra
Elena Pellizzari

#BigStarsTuesday: Taylor Swift – “Look What You Made Me Do”

Being silent for 3 years, Taylor Swift come back to stage with her 6th record Reputation. The first track Look What You Made Me Do submitted top 1 of 93 countries list of download with Gothic style and dark, revengeful lyrics.
As an old fan of Taylor Swift, I’ve heard almost all of her songs in the past 6 years. When I first heard this song, I felt nothing surprising but a little disappointed. She tried a completely different style even if she had done the transformation one time. Getting used to her beautiful melody and lyrics, I felt uncomfortable with this depressed hard drum beat, rhythm lack chorus and immediate rap. The last time I felt like this is when I heard her Welcome to New York, which is a pop song instead of all the country ones which she was really good at.

Cherry

Dua Lipa @ Fabrique, Milano

Last night, in Fabrique Milano, took place the concert of Dua Lipa, 21. The rising star, that has stunned the UK audience and stolen the hearts of numerous people all over the world, chose Milan as the first stop of the European Tour before the release of her self-titled album, Dua Lipa.

Personally, I didn’t know Dua until 2 months ago, and I assume many of you don’t either. Despite the star’s huge success in the UK, she’s still working her way to international fame. When I discovered her, I instantly fell in love with her deep raspy voice and impressive vocal control, however, as many, I was quite critical of her music. Pop isn’t an easy genre and to manage to make something that will win an audience permanently and not be a one-hit star, you have to work hard. However, eventually, her groovy tunes and honest lyrics won me over, and little did I know, 2 days after our first Youtube encounter, I had tickets to her concert.

Eirini Ira Tassouli

ALBUM REVIEW: Ed Sheeran – Divide

Il 3 Marzo 2017, circa due anni dopo l’annuncio di scomparire dalle scene per un po’, Ed Sheeran ha rilasciato Divide, il suo nuovo progetto, che sin dalle prime ore dalla pubblicazione si è prefigurato essere uno dei più grandi successi della sua carriera e di quest’anno. In brevissimo tempo ha scalato tutte le classifiche mondiali (14 Paesi tra cui USA, Australia e Canada) e ha venduto 672.000 copie nel Regno Unito solo nella prima settimana. Divide si può quindi definire un successo planetario, che esattamente un mese dopo il suo rilascio sul mercato discografico ha conquistato il disco di platino, non di certo il primo ricevuto dal cantante, ma forse quello più gratificante, essendo tornato alla ribalta dopo un lungo periodo di silenzio discografico.

Cecilia Festa